Policy privacy

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Indagine conoscitiva sulle condizioni del sistema bancario e finanziario italiano e la tutela del risparmio

Senato della Repubblica
6 a Commissione permanente (Finanze e tesoro)

Indagine conoscitiva sulle condizioni del sistema bancario e finanziario italiano e la tutela del risparmio, anche con riferimento alla vigilanza, la risoluzione delle crisi e la garanzia dei depositi europee Audizione del Governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco

vai al all'articolo completo...

 

Il contesto macro -economico e gli effetti sulle banche Dal 2008 a oggi l’ Italia ha attraversato la crisi economica più grave da l dopoguerra. La crisi è stata innescata dall’ esplosione delle insolvenze nel settore dei cosiddetti mutui subprime negli Stati Uniti e si è poi riflessa sui mercati di alcune attività complesse e di difficile valutazione, note come “ titoli tossici ”. Quando ci si è resi conto che anche alcune banche europee – non quelle italiane – erano esposte in misura significativa verso questi strumenti, il mercato interbancario dell’area dell’euro è arrivato quasi al collasso. La crisi d el debito sovrano in Europa ha preso avvio in Grecia, rialimentando la crisi f in anziaria. Dall’estate d el 2011 le tensioni si sono estese all’I talia; all’ulter iore riduzione per le b an che d ella r accolta di fondi sul mercato in terbancario internazionale hanno risposto interventi straordinari di rifinanziamento della B anca centrale europea; i tassi d’ interesse sui titoli di Stato si sono portati su livelli molto più elevati di quelli dei corrispondenti titoli di altri paesi, in primo luogo la Germania. Sol o con l ’annuncio, nell’estate del 2012, di misure di politica monetaria eccezionali volte a contrastare ingiustificati ed eccessivi aumenti dei tassi di mercato nell’area dell’euro le tensioni hanno iniziato a rientrare. Esse si erano però inevitabilmente trasmess e al mercato bancario, determinando, con la riduzione della raccolta all’ingrosso delle banche, un forte aumento del costo del credito e una conseguente r arefazione dell’offerta . Ciò si è r iflesso, a sua volta, in un freno all’attività produttiva, che si è prolungato per oltre un triennio risentendo anche delle non risolte difficoltà strutturali della nostra economia. L’Europa sta ora lentamente uscendo dalla crisi. In Italia l ’eredità della recessione è pesante: la perdita di PIL in termini reali rispetto al picco pre -crisi è pari a circa 9 punti percentuali e la caduta della produzione industriale è di circa un quarto; nella media dell’area dell’euro il PIL ha sostanzialmente tenuto e la produzione industriale si è ridotta del dieci per cento, assai meno che in Italia. L’evoluzione dei sistemi bancari nazionali ha seguito da vicino quella delle rispettive economie. Nella prima fase la crisi ha colpito i sistemi esposti ai titoli tossici : Stati Uniti, Regno Unito , alcuni paesi dell’area dell’euro . Ne sono derivati diffusi dissesti bancari , cui si è fatto fronte con massicci interventi statali

 
Free business joomla templates