Policy privacy

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Banche: Consulta boccia articolo Milleproroghe 2010 su anatocismo

Banche: Consulta boccia articolo Milleproroghe 2010 su anatocismo -2-

 

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Roma, 05 apr - La questione di costituzionalita' e' stata sollevata anche da altri Tribunali investiti da cause di clienti di banche. Nel giudizio davanti alla Consulta, oltre alla Presidenza del Consiglio, si sono costituite il Monte dei Paschi, il Banco di Napoli (Intesa Sanpaolo), Bnl e ha provato a costituirsi in giudizio all'inizio di quest'anno, ma fuori dai termini, il Banco Popolare. La Consulta nella sentenza del 2010 (la numero 24418) affermava che la norma censurata non rispetta i principi generali di eguaglianza e ragionevolezza. La norma mirava a scardinare una sentenza della Cassazione secondo la quale "Se, dopo la conclusione di un contratto di apertura di credito bancario regolato in conto corrente, il correntista agisce per far dichiarare la nullita' della clausola che prevede la corresponsione di interessi anatocistici e per la ripetizione di quanto pagato indebitamente a questo titolo, il termine di prescrizione decennale cui tale azione di ripetizione e' soggetta decorre, qualora i versamenti eseguiti dal correntista in pendenza del rapporto abbiano avuto solo funzione ripristinatoria della provvista, dalla data in cui e' stato estinto il saldo di chiusura del conto in cui gli interessi non dovuti sono stati registrati"

La decorrenza della prescrizione, quindi, non parte dall'annotazione in conto come pretendevano le banche convenute nelle cause presentate dai vari Tribunali. Nel caso del Tribunale di Brindisi il correntista dell'Antonveneta (oggi gruppo Mps) chiedeva che il saldo del conto corrente (acceso nel '94 e chiuso a fine '98) fosse riconteggiato tenendo conto dell'ormai consolidato indirizzo giurisprudenziale circa la nullita' della capitalizzazione trimestrale degli interessi passivi e della commissione di massimo scoperto affinche' la banca fosse condannata alla restituzione dell'indebito versato

La Consulta, quindi, ha ritenuto fondata la questione di illegittimita' costituzionale sollevata dal Tribunale di Brindisi e dichiarato illegittimo l'articolo della legge con la sentenza firmata dal presidente Alfonso Quaranta e dal giudice Alessandro Criscuolo.

 

L'Analista Finanziario

L'analista finanziario: Come investire
Free business joomla templates