Policy privacy

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Obbligazionisti subordinati di MPS nel panico per il rischio bail-in, ma ne è valsa la pena?

tratto dal sito investireoggi.it del 08 luglio 2016

Obbligazionisti subordinati di MPS nel panico per il rischio bail-in, ma ne è valsa la pena?

obbligazionisti mps 620x342

Sono circa 60.000 gli obbligazionisti subordinati retail di MPS, che vivono questi giorni con grande trepidazione, in attesa di conoscere che ne sarà del loro investimento in uno o più bond dell’istituto senese. Il più preoccupante per dimensioni e per il taglio minimo di appena 1.000 euro previsto all’emissione è quello con scadenza nel maggio 2018 e collocato sul mercato nel maggio del 2008. Un’obbligazione decennale, che alla sua emissione presentava rischi elevati solo teorici, dato che nei fatti nessuno immaginava che l’allora terza banca italiana riuscisse a crollare di oltre il 90% in borsa e a sfiorare il crac di queste settimane per la sua palese sotto-capitalizzazione.

Era la primavera di 8 anni fa e non era nemmeno scoppiata quella violenta crisi finanziaria, che avrebbe cambiato i mercati e l’economia di grossa parte del pianeta. Il bond si presentava con un rendimento abbastanza allettante persino per i tempi: cedola del 2,5% + Euribor a 6 mesi. Quest’ultimo tasso era mediamente del 4,7% quel mese, per cui il rendimento all’emissione del titolo era stimabile nell’ordine del 7,2-7,3% lordo all’anno.

Rendimenti bond MPS bassi, non all’altezza del rischio

Chi avrebbe potuto pensare che appena un anno dopo, l’Euribor a 6 mesi sarebbe crollato all’1,4%, trascinando il rendimento del bond MPS a un più contenuto 3,9%? E chi avrebbe mai immaginato che oggi, lo stesso rende negativamente per lo 0,19%, per cui il rendimento totale è crollato al 2,3%?

Intendiamoci, il 2,3% in un’era di tassi zero e negativi come questa non è paradossalmente nemmeno poco, considerando che un BTp a 3 anni (stessa scadenza residua del bond) oggi offre un rendimento nullo. Il 2,3% non lo garantisce oggi nemmeno un titolo di stato italiano a 30 anni. Certo, però, che nessuno si assumerebbe il rischio di perdere tutto il capitale investito per ottenere meno del 2% all’anno, al netto delle imposte e delle commissioni.

Bond MPS non convenienti alla luce di quanto accaduto

Questa constatazione non fa che accrescere il senso di amarezza di chi oggi rientra a pieno titoli tra i creditori espropriabili. Certo, se tutto andasse per il verso giusto, chi acquistasse oggi il bond al prezzo di mercato di una settantina di centesimi, riuscirebbe a portarsi a casa un titolo dal rendimento potenziale del 17%, considerando che alla scadenza gli verrebbe rimborsato al 100% del suo valore nominale. Ma il rischio è troppo grande e il premio, in ogni caso, non riguarderebbe i sottoscrittori all’atto del collocamento, i quali, invece, semmai riuscissero oggi a rivenderlo a qualcuno, dovrebbero sobbarcarsi di perdite fino al 30% del capitale iniziale.

 

L'Analista Finanziario

L'analista finanziario: Come investire

Avvocati di Adusbef Veneto

mappettabluveneto

clicca sulla mappa per trovare
il tuo professionista di Adusbef Veneto

Free business joomla templates