Policy privacy

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Articoli

Consulenza e perizie: perché, quanto costano, spese recuperabili, parere preliminare

Domande Frequenti: Risposte Pratiche

A cosa serve una consulenza tecnica di parte? Perche’ mi conviene? Alcuni soggetti si trovano in mano le carte per combattere una c.d. “causa vinta” e neppure se ne rendono conto: la conoscenza dei fatti aiuta il vostro legale ad aumentare notevolmente le potenzialità di esito favorevole nella controversia. In una materia così complessa come la finanza, non tutti sanno cogliere i tecnicismi, le sfumature, le conseguenze e le implicazioni di alcune circostanze prettamente tecniche. La “non conoscenza” potrebbe pregiudicare le potenzialita’ di riuscita di una controversia legale: una consulenza tecnica di parte offre a voi ed il vostro legale tutti gli elementi di contestazione necessari (e ben “affilati”) per poter intraprendere con le maggiori probabilità di successo un’azione di risarcimento nei confronti dell’intermediario, per spuntare una trattativa migliore con l’istituto di credito, oppure per contestare ed opporsi ad infondate pretese creditorie della banca nei vostri confronti (es. decreto ingiuntivo, pignoramento, anatocismo, usura, etc.).

Posso recuperare le spese del consulente e dell’avvocato?
E’ possibile: la sentenza del 14/03/2008 n. 284/05 R.G. emessa dal Tribunale di Vicenza ha imposto alla banca la restituzione delle spese legali e di consulenza, in quanto a causa della negligenza dell’intermediario, i risparmiatori si erano dovuti rivolgere allo Studio Pinaffo per ricevere le informazioni che la banca avrebbe invece dovuto dare in principio agli investitori. In quanto ai costi di consulenza, la parcella è comunque deducibile fiscalmente per soggetti dotati di P. IVA ed è detratta dell’importo IVA, che viene regolato mediante la ritenuta d’acconto detraibile dalle tasse.

Quanto costa una consulenza tecnica di parte?
L’importo della parcella e’ rapportato all’entità della controversia ed al grado di complessita’ delle prestazioni richieste, nonche’ alla tariffa professionale prevista dalle Associazioni di categoria professionale di appartenenza: la parcella è detraibile ai fini fiscali per i soggetti possessori di partita Iva e nell’ambito della controversia, oltre al danno lamentato, è possibile reclamare anche il risarcimento della parcella a titolo di spese sostenute. In ogni caso il nostro studio cerca sempre di agevolare un ottimale rapporto costo / benefici a favore del cliente, affinché lo stesso trovi in tutti i sensi la convenienza nella nostra assistenza tecnica.

Come faccio per sapere se ho dei presupposti per poter pretendere un risarcimento dalla mia banca su investimenti malconsigliati?
Il nostro studio offre appositamente un servizio preliminare e gratuito per poter verificare se vi siano questi presupposti di contestazione: il nostro parere e’ indipendente e certificato dall’iscrizione all’albo dei consulenti tecnici del Tribunale, nonché dall’iscrizione alle principali Associazioni di categoria professionale.

Non ho/ non trovo i documenti da sottoporre a parere tecnico per ricevere un parere sulla mia posizione: cosa posso fare?
Ai sensi del TUB - Testo Unico Bancario art. 119, la banca è tenuta a fornire entro 90 giorni dalla domanda la documentazione eventualmente richiesta dal risparmiatore (archiviazione 10 anni): qualora la stessa non fosse pervenuta, inoltrate un sollecito o rivolgetevi ad un legale competente per poterla ottenere.

 
Free business joomla templates