Policy privacy

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Mps, ecco le opzioni per i piccoli obbligazionisti. Come funziona la conversione in azioni

Mps, ecco le opzioni per i piccoli obbligazionisti. Come funziona la conversione in azioni

mpsarlare di opzione facoltativa potrebbe sembrare un eufemismo. Perché quando non si conoscono i dettagli di un eventuale “piano B”, ma in merito a questo si sa solo che potrebbe essere peggiore del “piano A”, è evidente che si può tendere a propendere verso il “piano A”, che assume la connotazione del “male minore” e, di conseguenza, si trasforma però in qualcosa di diverso rispetto a una scelta “volontaria”. In ogni caso, per i circa 40mila piccoli obbligazionisti che detengono il bond subordinato emesso nel 2008 e in scadenza 2018, categoria Tier 2, si è aperta da questa mattina la possibilità di agire verso il “piano A”.

La Consob ha infatti dato l'ok all'estensione del piano di conversione di bond subordinati in azioni anche ai piccoli risparmiatori (dal 28 novembre al 2 dicembre questo piano è stato esercitato dagli investitori istituzionali con una raccolta, per la banca, di oltre un miliardo di euro dei 5 necessari per l'aumento di capitale). Per farlo però la Consob ha in parte modificato le regole in corsa. Anche chi fino a ieri sera era profilato nella categoria di investimento a rischio basso (secondo la normativa europea Mifid) e quindi non poteva detenere in portofaglio azioni, potrà convertire il bond subordinato di Mps in suo possesso in azioni.

In ogni caso, chi aderirà lo farà volontariamente, senza che vi sia sollecitazione da parte della banca. È infatti previsto che «nel caso in cui un cliente decidesse di aderire all'Offerta nonostante la valutazione di non adeguatezza effettuata dalla Banca», Mps chiederà una attestazione firmata «di aver aderito all'Offerta di propria iniziativa senza sollecitazione o erogazione di consulenza da parte dell'intermediario, nonché di essere stato informato della non adeguatezza dell'operazione e di volere, ciò nonostante, dar corso all'adesione».

Piccoli obbligazionisti Mps - Piano A
Il “piano A” consiste in due passaggi. I piccoli obbligazionisti scelgono di aderire alla proposta della Banca di partecipare all'aumento di capitale, convertendo le loro obbligazioni in azioni (la finestra è aperta alle ore 9 di oggi e terminerà alle ore 14 del 21 dicembre 2016). Con il vantaggio che, prima di essere trasformate in azioni, le obbligazioni vedranno aumentare il loro valore. Attualmente quotano 50 mentre Banca Mps le rimborsa a 100. Quindi se ho un'obbligazione subordinata Mps scadenza 2018 “Tier 2” e la vendo oggi incasso 50 (e perdo 50 rispetto al valore di emissione nel 2008 pari a 100). Mentre se aderisco volontariamente al piano di conversione in azioni, questi 50 si trasformano in 100. Questi 100 però non sono soldi liquidi utilizzabili per lo shopping di Natale, ma diventeranno nuove azioni Mps. Il valore nominale (prezzo) delle nuove azioni Mps non è ancora noto, perché dipenderà da come andrà l'aumento di capitale. È stato stabilito che potrà oscillare tra 24,9 euro a 1 euro per azione.
Il piccolo obbligazionista che parteciperà all'aumento di capitale e quindi trasformerà le obbligazioni subordinate in nuove azioni conoscerà il prezzo delle nuove azioni solo una volta che sarà terminato l'aumento di capitale. A quel punto se in mano ha 10 obbligazioni rimborsate a 100, quindi ha un controvalore in euro di 1000 e se le nuove azioni saranno fissate al prezzo di 1, si ritroverà in portafoglio 1.000 nuove azioni di Banca Mps. Se il prezzo sarà 10 se ne ritroverà 100. Formalmente il prezzo quindi inciderà solo sulla quantità di azioni possedute e quindi sul livello di partecipazione al capitale sociale. Ma non sul rendimento dell'operazione.

A quel punto, per il piccolo ex-obbligazionista e neo-azionista il primo scoglio da superare sarà l'apertura delle azioni Mps in contrattazione in Borsa Italiana nel primo giorno dopo l'aumento di capitale. Se le azioni saliranno o perderanno valore questo non può saperlo. Nell'ipotesi che le azioni scivolino sotto il nuovo prezzo, il piccolo obbligazionista subirà una perdita sull'azione ma dovrà comunque considerare che avendo scelto la conversione in azioni questi ha già recuperato il 50% dell'investimento, dato che il rimborso dell'obbligazione è stato fatto con un premio del 50% (da 50 a 100 come detto). Quindi l'eventuale perdita subita dall'azione dovrà essere comunque rapportata al +50% derivante dalla conversione dell'obbligazione a 100. «Da un punto di vista tecnico il “piano-A” si profila come l'ipotesi più vantaggiosa per il piccolo obbligazionista subordinato Mps. Sarebbe il male minore. E il mercato sembra credere che nonostante tutto debba avvenire in pochi giorni, la banca potrebbe riuscire ad effettuare l'aumento di capitale», spiega Vincenzo Longo, strategist di Ig.


Piano B - Interviene lo Stato e paga i bond alla metà
È questo in sostanza il motivo per cui il “piano A” parte in netto vantaggio rispetto al “piano B”. Quest'ultimo invece scatterebbe qualora il “piano A” non andasse in porto e quindi a quel punto sarebbe lo Stato a intervenire e a rimborsare i piccoli obbligazionisti, ma al valore di mercato, cioè a 50. In questi per i piccoli obbligazionisti ci sarebbe una perdita nell'investimento sul prezzo di 50 (emesso a 100 e venduto a 50). Bisognerebbe poi ovviamente calcolare le cedole maturate nel corso degli anni per avere il rendimento effettivo dell'operazione. Ciò non toglie che, in assenza di un ulteriore rimborso della Stato (che al momento non è dato sapere) il “piano B” si presenta sulla carta come meno favorevole per il piccolo obbligazionista subordinato di Mps.

Piano C - Bail-in
Lo scenario peggiore è il “piano C”, ovvero che Mps faccia ricorso al bail-in, la nuova procedura europea (entrata in vigore proprio nel 2016) che prevede che in caso di fallimento di una banca a rispondere siano prima gli azionisti, poi gli obbligazionisti e in terza istanza (se occorre) anche i correntisti. Questi ultimi, però, per somme fino a 100mila euro possono contare sul rimborso del fondo di garanzia sui depositi (quindi perderebbero l'eventuale liquidità che va oltre i 100mila euro, o va oltre i 200mila se il conto corrente è cointestato).
Va detto che in questo momento i mercati credono al “piano A” e non stanno scontando l'ipotesi né di un “piano B” (lo si capisce anche perché i bond Mps classe senior quotano vicino a 100 e quindi non stanno al momento soffrendo pressioni) e tantomeno di un “piano C”.
L'aumento di capitale da 5 miliardi in pochi giorni per mano del mercato (“piano A”) fino a poche settimane fa sembrava impensabile. Se andasse in porto (e il mercato ora ci crede) sarebbe l'ennesimo colpo di scena di un 2016 pieno di colpi di scena. Come la Brexit e la vittoria di Trump insegnano.
p.s. Subordinato, per coloro che magari detengono il titolo ma non lo sanno, vuol dire che nel caso l'emittente sia in difficoltà i possessori di questa categoria di obbligazioni sono i primi a rimetterci. Rispetto ad altre categorie di obbligazioni (senior, ecc.). In cambio però le cedole dei bond subordinati (perché tecnicamente più rischiosi) sono più alte rispetto a quelle dei bond senior.

 

 

L'Analista Finanziario

L'analista finanziario: Come investire

Avvocati di Adusbef Veneto

mappettabluveneto

clicca sulla mappa per trovare
il tuo professionista di Adusbef Veneto

Free business joomla templates