Policy privacy

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Responsabilità solidale nei subappalti

freccetta RESPONSABILITA’ SOLIDALE NEI SUBAPPALTI:

La nuova disciplina relativa alla responsabilità negli appalti, prevista dall’art. 13-ter del DL n. 83/2012 convertito, sta determinando forti ritardi nel pagamento dei corrispettivi per le prestazioni effettuate in esecuzione di contratti di appalto.

In estrema sintesi, lo schema che si è venuto a delineare è il seguente. L’appaltatore risponde in solido con il subappaltatore, nei limiti dell’ammontare del corrispettivo dovuto, del versamento all’Erario delle ritenute fiscali sui redditi di lavoro dipendente e dell’IVA dovuta dal subappaltatore all’Erario per le prestazioni effettuate nell’ambito del rapporto di subappalto. La responsabilità non sussiste se l’appaltatore acquisisce la documentazione dell’esecuzione dei versamenti. L’appaltatore può sospendere il pagamento del corrispettivo al subappaltatore fino all’esibizione della documentazione da parte di quest’ultimo dell’avvenuto adempimento.

Per quanto concerne il committente, lo stesso non ha la responsabilità solidale dei versamenti di ritenute ed IVA con appaltatore e subappaltatore; tuttavia, è soggetto a una sanzione se provvede al pagamento senza aver ricevuto dai fornitori del servizio la documentazione attestante i versamenti e fosse accertato che gli adempimenti non sono stati correttamente eseguiti dall’appaltatore e dal subappaltatore. Sulla base di questa norma, i committenti stanno comunicando ai fornitori che il pagamento del corrispettivo dovuto per la prestazione ricevuta è subordinato alla presentazione della documentazione probatoria.

L’asseverazione non è obbligatoria, nel senso che si ritiene possibile ricevere (dal punto di vista del committente) anche una dichiarazione sostitutiva di atto notorio, ai sensi degli artt. 2 e 47 del DPR n. 445/2000. La questione non è indifferente, anche in termini di costi per l’impresa, in quanto, evidentemente, la dichiarazione sostitutiva può essere rilasciata dal legale rappresentante dell’appaltatore o del subappaltatore, senza doversi rivolgere a soggetti terzi.

 
Free business joomla templates