Policy privacy

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Finetica Scrl – Istituto Finanziario Lucano (PZ)

Provvedimenti rilevanti di carattere particolare delle autorità creditizie
Sezione XII - Sanzioni della Banca d’Italia
Bollettino di Vigilanza n. 3, marzo 2012 XII.1


FINETICA Scrl - ISTITUTO FINANZIARIO LUCANO


VISTO il decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385 (Testo unico delle leggi in materia
bancaria e creditizia - TUB) e successive modifiche e integrazioni;
VISTA la legge 28 dicembre 2005, n. 262 recante “Disposizioni per la tutela del risparmio
e la disciplina dei mercati finanziari”;
VISTO lo Statuto della Banca d'Italia, e in particolare gli artt. 21 e 22 che disciplinano le
modalità di adozione dei provvedimenti di competenza del Direttorio;
VISTI il provvedimento della Banca d’Italia del 27 giugno 2011 recante “Disciplina della
procedura sanzionatoria amministrativa ai sensi dell’art. 145 del d.lgs. 385/83 e dell’art. 195
del d.lgs. 58/98 e delle modalità organizzative per l’attuazione del principio della distinzione
tra funzioni istruttorie e funzioni decisorie (art. 24, comma 1, della legge 28 dicembre 2005, n.
262)” e le Istruzioni di vigilanza in materia di procedura sanzionatoria amministrativa;
CONSIDERATO che la Vigilanza Bancaria e Finanziaria della Banca d’Italia ha
accertato, con riguardo alla Finetica Scrl Istituto Finanziario Lucano (PZ), l’irregolarità di
seguito indicata:
- omesse e inesatte segnalazioni all’O.d.V. da parte di componenti ed ex componenti il
Consiglio di amministrazione e dei componenti il Collegio sindacale (art. 106, 6° co.,
d.lgs. 385/93; Circ. 273 del 5.1.2009; Provv. B.I. del 14/05/2009).
CONSIDERATO che la suddetta irregolarità è stata contestata secondo le formalità
previste dall’art. 145 TUB ai soggetti ritenuti responsabili e alla società in qualità di
responsabile in solido;
– omissis –
VISTA la nota (omissis) con la quale il Servizio Rapporti Esterni e Affari generali, in
osservanza del principio della distinzione tra funzioni istruttorie e funzioni decisorie rispetto
all’irrogazione della sanzione, fissato dall’art. 24 della legge 262/05, ha proposto al Direttorio
della Banca d’Italia, in conformità del parere espresso dalla Commissione per l’esame delle
irregolarità, l’applicazione di sanzioni amministrative pecuniarie di cui all’art. 144 TUB nei
confronti di esponenti ed ex esponenti aziendali, trasmettendo i relativi atti;
VISTO il parere dell’Avvocato Generale (omissis);
LA BANCA D’ITALIA
Preso atto che sussistono, in base alle motivazioni esposte nella citata proposta, qui
integralmente richiamate e recepite, gli estremi per l’irrogazione di sanzioni amministrative
pecuniarie;
DISPONE
A carico delle persone di seguito indicate, nella qualità per ciascuna di esse precisata,
sono inflitte, ai sensi dell’art. 144 TUB, le seguenti sanzioni amministrative pecuniarie:

Componenti ed ex componenti il Consiglio di amministrazione:
Vasta Mario, Mollica Francesco, Manzi Rocco Carmelo, Rassega Valter, Lombardi Roberto,
Felitti Emanuela Palmina, Marchioni Maria, Parrella Vittorio Biagio, Autunno Giuseppe,
Altomonte Antonio, Macchia Nicola, Parrella Francesco, Macchia Antonio, Geremia Ugo,
Mastropierro Franco Egidio Domenico
Componenti il Collegio sindacale:
Grimaldi Felice, Ielpo Michele, Pangaro Vincenzo
Per l’irregolarità sopra descritta euro 30.000,00 ciascuno
Totale complessivo delle sanzioni: euro 540.000,00
– omissis –
Roma, 6.3.2012
IL DIRETTORE GENERALE: F. SACCOMANNI
* * *

 

Avvocati di Adusbef Veneto

mappettabluveneto

clicca sulla mappa per trovare
il tuo professionista di Adusbef Veneto

Free business joomla templates