Policy privacy

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Usura Bancaria Usura

Usura sopravvenuta: conseguente necessità di applicare il tasso soglia. Tribunale Napoli 24 giugno 2012

Usura sopravvenuta: conseguente necessità di applicare il tasso soglia.

Tribunale Napoli 24 giugno 2012

Sez. Giurisprudenza, 9114 - pubb. 13/06/2013

 

Tribunale Napoli 24 giugno 2012 - - Est. Pastore Alinante.

Usura sopravvenuta – Applicabilità del tasso soglia.

Qualora i tassi d’interesse previsti dai contratti non siano usurari al momento in cui sono convenuti, non potrà trovare applicazione l’articolo 1815 c.c. in base al quale, se sono convenuti interessi usurari, la clausola è nulla e non sono dovuti interessi; l’unico tasso che appare logico sostituire a quello divenuto usurario è quello pari al limite massimo del tasso soglia, poiché il tasso di interesse è divenuto illegittimo solo nella misura in cui ha superato il tasso soglia. (Francesco Dialti) (riproduzione riservata)

 

Segnalazione dell'Avv. Francesco Dialti, Studio Legale Associato a Watson, Farley & Williams

Il testo integrale

 

Link per calcolare indicativamente il tasso dei mutui

Link per calcolare indicativamente il tasso dei mutui

Calcolare l'usura

 

La sentenza della Corte di Cassazione n. 350/2013 permette il recupero integrale degli interessi pagati su mutui, leasing e finanziamenti, quando i tassi o le penali superano la soglia di usura.

La sentenza della Corte di Cassazione n. 350/2013 permette il recupero integrale degli interessi pagati su mutui, leasing e finanziamenti, quando i tassi o le penali superano la soglia di usura.

SENTENZA CORTE DI CASSAZIONE SEZ. PRIMA CIV. - SENT. DEL 09.01.2013, N. 350  

 Presidente Carnevale - Relatore Didone 
Ritenuto in fatto e in diritto

1.- I.D. ha convenuto in giudizio la s.p.a. I. B. lamentando che il tasso applicato al contratto di mutuo con garanzia ipotecaria stipulato il 19.9.1996 per l’acquisto della propria casa era da considerare usurario. Il Tribunale di Napoli ha rigettato la domanda volta a sentir accertare l’illegittimità della misura degli interessi stabiliti nel contratto di mutuo, in relazione alla rata di Euro 20.052,48 richiesta con lettera del 6.11.2001, sulla base della considerazione che, ai sensi dell’art. 2 della legge 108/96, per la determinazione degli interessi usurari i tassi effettivi globali medi rilevati dal Ministero del Tesoro ai sensi della citata legge devono essere aumentati della metà. Considerato che il D.M. 27-3-98 emesso dal Ministero del Tesoro, prevedeva per la categoria dei mutui il tasso dell’8.29%, ha quindi, escluso che il tasso contrattualmente fissato potesse essere ritenuto usurario.

Leggi tutto: La sentenza della Corte di Cassazione n. 350/2013 permette il recupero integrale degli interessi...
 

Disposizioni in materia di usura

Documento: Legge 7 marzo 1996, n. 108 (G.U. n. 58 del 9 marzo 1996)
Oggetto: Disposizioni in materia di usura

Art. 1

1. L'articolo 644 del codice penale é sostituito dal seguente:

"Art. 644. - (Usura). - Chiunque, fuori dei casi previsti dall'articolo 643 si fa dare o promettere, sotto qualsiasi forma, per se o per altri, in corrispettivo di una prestazione di denaro o di altra utilità, interessi o altri vantaggi usurari, é punito con la reclusione da uno a sei anni e con la multa da lire sei milioni a lire trenta milioni. Alla stessa pena soggiace chi, fuori del caso di concorso nel delitto previsto dal primo comma, procura a taluno una somma di denaro od altra utilità facendo dare o promettere, a sé o ad altri, per la mediazione, un compenso usurario.

Leggi tutto: Disposizioni in materia di usura
 

Interessi usurari Il contesto normativo e interpretativo previgente e le novità introdotte dalla legge 108/1996

Interessi usurari

Il contesto normativo e interpretativo previgente e le novità introdotte dalla legge 108/1996

L’art. 1815, comma 2, c.c., pur se collocato nella disciplina del mutuo, esprime un principio giuridico valido per tutte le obbligazioni pecuniarie. La norma sanziona la pattuizione di interessi usurari con la previsione della nullità virtuale della relativa clausola, con l’effetto che gli interessi non sono dovuti nemmeno nella misura del saggio legale. La fattispecie rileva anche ai fini penali, stante la previsione degli artt. 644 e ss. c.p.

Leggi tutto: Interessi usurari Il contesto normativo e interpretativo previgente e le novità introdotte dalla...
 

Pagina 1 di 2

Free business joomla templates